Essere giovani citazioni

” Londra ha inghiottito molti milioni di giovani uomini chiamati Smith… Alloggio fuori dalla strada di Euston, ci sono state esperienze, ancora esperienze, come cambiare un volto in due anni da un ovale rosa innocente a una faccia magra, contratta, ostile. Ma di tutto questo cosa potrebbe aver detto il più attento degli amici se non quello che dice un giardiniere quando apre la porta del conservatorio al mattino e trova un nuovo fiore sulla sua pianta: – È fiorito; fiorito da vanità, ambizione, idealismo, passione, solitudine, coraggio, pigrizia, i soliti semi, che tutto confuso (in una stanza fuori dalla Euston Road), lo ha reso timido, e balbettando, lo ha reso ansioso di migliorare se stesso, lo ha fatto innamorare di Miss Isabel Pole, lezioni in Waterloo Road su Shakespeare.
Non era come Keats? chiese; e rifletté come avrebbe potuto dargli un assaggio di Antonio e Cleopatra e il resto; gli prestò libri; gli scrisse frammenti di lettere; e acceso in lui un tale fuoco come brucia solo una volta nella vita, senza calore, tremolante una fiamma d’oro rosso infinitamente etereo e inconsistente su Miss Pole; Antonio e Cleopatra; e la strada di Waterloo. La pensava bella, la credeva impeccabilmente saggia; la sognava, le scriveva poesie, che, ignorando il soggetto, correggeva con inchiostro rosso; la vide, una sera d’estate, camminare in un abito verde in un abito verde in una piazza. “È fiorito”, avrebbe detto il giardiniere, se avesse aperto la porta; se fosse entrato, vale a dire, una sera qualsiasi a quest’ora, e l’avesse trovato a scrivere; lo trovai a strappare la sua scrittura; lo trovò a finire un capolavoro alle tre del mattino e correre fuori per camminare per le strade, e visitare le chiese, e digiunare un giorno, bere un altro, divorare Shakespeare, Darwin, La Storia della civiltà, e Bernard Shaw.”
― Virginia Woolf, signora Dalloway

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.